Conoscenza, esperienza e pratica: “Storia e Pratica delle Arti Magiche” è la prima storia della magia che cerca di fondere questi tre aspetti della scienza occulta, narrando l’evoluzione della magia attraverso la descrizione delle molteplici pratiche che, fin dal passato più remoto, hanno permesso all’uomo di entrare in contatto con il lato nascosto delle cose e comprenderne le leggi.

Un’arte che, a partire dalle radici sciamaniche e dai riti misterici, passando per la Teurgia greca, la stregoneria e la Goezia medievale, la magia salomonica giudaica, l’alta magia cerimoniale rinascimentale, fino ad arrivare alla magia iniziatica moderna della Teosofia o della Golden Dawn, per approdare alla Wicca e alla Chaos Magick, non ha mai smesso di evolversi, con un impatto di estrema importanza, eppure ancor troppo sottovalutato, sulla conoscenza umana.

Un mondo invisibile si nasconde dietro il velo della materia; una realtà intangibile eppure concreta quanto gli oggetti che ci circondano, nella quale si celano forze ed entità occulte, che hanno sempre accompagnato l’uomo.

“Magia” è il termine con cui si è definita la conoscenza di questo reame nascosto. Ma la magia non è una sapienza puramente teorica. La magia è un’arte: una conoscenza operativa volta a comprendere il mondo invisibile per ottenere effetti sul mondo visibile (e viceversa). In questa forma di sapere, non è possibile separare conoscenza, esperienza e pratica.

Daniele Palmieri infatti traccia non una semplice storia della magia, volta esclusivamente alla teoria, né un manuale di magia, volto a fini meramente pratici, ma un ibrido tra le due prospettive, che cerchi di descrivere la sapienza magica attraverso l’evoluzione della sua pratica.

“Sono due le motivazioni che mi hanno spinto a creare questa chimera letteraria. Prima di tutto, la natura stessa dell’oggetto dell’indagine. In tutte le epoche e in tutte le culture, la magia si è manifestata come una forma di sapienza-pratica e di pratica-sapienziale; in altri termini, i due aspetti della materia, quello operativo e quello teorico, non sono scindibili, ma formano un’arte organica all’intemo della quale la reale comprensione della materia è possibile soltanto mediante la pratica; e, allo stesso tempo, la messa in pratica della magia senza alle spalle una profonda conoscenza teorica è destinata a trasformarsi in superstizione.

In secondo luogo, nonostante la vasta letteratura in materia, ho sempre incontrato una spaccatura bibliografica tra testi “accademici”, da un lato, di taglio storico, antropologico, psicologico o filosofico che, indipendentemente dal giudizio positivo o negativo sulla materia, la descrivono esclusivamente “dall’esterno”, senza addentrarsi nella fondamentale questione della pratica; e, dall’altro lato, testi esclusivamente operativi, che pur descrivendo il mondo “dall’interno” peccano di mancanza di teoria, consapevolezza storica e profondità intellettuale.

Consapevole dell’impossibilità di riuscire a colmare, in solitaria, tale lacuna, “Storia e Pratica delle Arti Magiche” vuole essere un primo tentativo di sanare tale spaccatura, raccontando una versione alternativa tanto della storia del pensiero occidentale quanto della realtà che ci circonda, nella speranza che tale opera possa dare vita a un nuovo mattino dei maghi.”

Indice

Capitolo I
Per un nuovo mattino dei maghi

Capitolo II
Teoria e pratica della magia

  • L’essenza della magia
  • L’essenza del mago

Capitolo III
Oltre il velo della materia

  • Lo sciamanesimo: la via del sogno e dell’estasi

Capitolo IV
Spazio sacro e tempo sacro

  • La circoscrizione dello spazio sacro
  • Il fluire del tempo
  • Flusso delle stagioni, solstizi, equinozi
    Le sfere celesti e lo zodiaco
    Le ore e i giorni magici
    Le energie planetarie

Capitolo V
Le entità del mondo invisibile

  • La catena occulta dell’essere
    Anime dei morti
    Spiriti di Natura
    Angeli e Demoni
    Il Dio/Uno
    L’uomo: microcosmo e macrocosmo

Capitolo VI
L’esercizio dello magia: le pratiche di potere

  • L’evoluzione della pratica magica
  • Gli strumenti del mago
  • Ligature, incantesimi e linguaggio magico
  • Le pratiche di Goezia
    Le defixiones
    I simulacri di cera e argilla
    Il Sabba
    Le evocazioni demoniache
  • Le pratiche di Teurgia
    Teurgia onirica
    Dèi e Spiriti Planetari
    Le invocazioni angeliche
  • I Talismani

Capitolo VII
La magia moderna e contemporanea

  • La magia e le nuove divinità planetarie
  • Il potere magico della Volontà e del Pensiero
    Franz Anton Mesmer, Eliphas Levi e il potere della Volontà
    Gli Eggregori o Forme Pensiero
    Lo sviluppo dei poteri psichici: Charles Leadbeater e Franz Bardon
    William Atkinson e le tecniche di autosuggestione
  • Il mondo magico della Golden Dawn
    Il magico potere della letteratura
    La resurrezione del Dio Pan
    Il contatto con le entità cosmiche
    Blackwood, Crowley, Dion Fortune e le tecniche di autodifesa magica
  • Prospettive contemporanee
    La Wicca
    IL Chaos Magick
    Epilogo: La scomparsa del mondo invisibile
Editore:

Libraio Editore

Anno pubblicazione:

2021

Pagine:

380

ISBN:

8831937316

Formato:

Libro a copertina morbida – 17 x 24 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia e Pratica delle Arti Magiche – Daniele Palmieri”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.