Si tratta del famoso manoscritto del conte Walewski, costituito dai suoi appunti personali raccolti durante il lungo soggiorno nelle montagne del Caucaso, presso una misteriosa setta zoroastriana.