I Maya, gli Inca e gli Aztechi parvero irrompere misteriosamente dal nulla, rimanendo nella storia fino a quando non furono sterminati dai Conquistadores spagnoli, che posero drammaticamente fine a civiltà assai evolute dal punto di vista spirituale, artistico e scientifico (l’opera calendaristica maya è incredibilmente vasta e complessa), ma anche dotate di un sofisticato apparato statale, paragonabile solo a quello dei moderni sistemi totalitari.

Nonostante la sparizione di questi popoli, i loro simboli hanno conservato intatto il proprio fascino e molti di questi sono diventati parte del nostro mondo quotidiano.

Le tracce di queste antiche civiltà del centro e sud America rimangono a testimonianza di una grandezza inimmaginabile, dalle maestose piramidi maya di Chichén Itza, nella penisola dello Yucatán (anche luogo di stanziamento del popolo azteco), all’impero inca della cordigliera andina, i cui simboli stilizzati sono tuttora visibili nei prodotti dell’artigianato tessile.

Di tale grandezza questo libro si propone di fornire un gustoso “assaggio”, offrendo una ricca e completa panoramica di motivi, segni e figure, con la spiegazione delle origini e del significato di ogni elemento.

Costituisce così una preziosa raccolta che, a distanza di secoli, ci consente di ritrovare un’immagine fedele di quei popoli ormai scomparsi e di scoprire tutto il potere racchiuso nelle loro antiche simbologie.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I Simboli Maya, Inca e Aztechi – Heike Owusu”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.