Santi e vampiri è la documentata cronistoria delle avventure del cadavere scaturita dalla convinzione, ancora diffusa nel Seicento, che nei defunti permanga una qualche forma di vitalità. Fra i numerosi esponenti di questo macabro attivismo ci furono naturalmente i vampiri, dei quali il libro ricostruisce le vicende così come raccontate nelle cronache del tempo. Ancor più imprevisti – e spesso divertenti – i racconti riguardanti i miracoli postumi dei santi, tratti dalla consultazione di una vastissima letteratura agiografica: santi che storpiano bambini colpevoli di giocare nei pressi della loro tomba, santi che espellono altri defunti di cui non gradiscono la sotterranea vicinanza, santi che accecano il custode della chiesa reo di avere spento la lampada davanti al loro sepolcro… I corpi umani, al sopraggiungere della morte, vanno inevitabilmente incontro al disfacimento. Ma questa regola, così si è creduto a lungo, vale solo per le persone normali, i santi da un lato e i malvagi dall’altro possono invece mantenersi integri e proseguire in qualche modo una loro esistenza sotterranea. Ecco il perché dell’accostamento fra santi e vampiri che il libro propone partendo dalla raccolta di fonti. Ne emerge un racconto che disegna il ritratto dell’autentico vampiro sei-settecentesco, lontano dal perverso e fascinoso dandy rappresentato dalla letteratura e dal cinema. Ancor più stupefacente l’immagine dei santi tratteggiata, nelle cronache agiografiche, di una devozione che sfiora l’idolatria.

Unico esemplare nuovo di zecca: affrettarsi!

Editore:

Stampa Alternativa

Collana:

Eretica speciale

Anno pubblicazione:

Marzo del 2006

Pagine:

264

ISBN:

88-7226-930-X

Formato:

Brossura a copertina morbida

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “SANTI E VAMPIRI – Le avventure del cadavere – Carlo Dogheria”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.