Cavalieri Templari nel Regno di Sicilia – Giovanni Guerrieri, Gaspare Cannizzo

11,40

E’ appunto in nome della Chiesa e a vantaggio della religione che avevano sempre difeso, i cavalieri del Tempio furono riammessi, dal Papa e dal primo re Angioino, a godere i loro possedimenti nel regno di Sicilia sequestrati precedentemente dagli Svevi; ma è anche vero che questi beni, vasti e numerosi, dovettero attirare non poco l’attenzione di coloro che con belle parole li riconcedevano, esaltando il valore militare e la grande fedeltà di questi Cavalieri. Certamente l’Ordine del Tempio nel regno di Sicilia, tolto il sequestro, si trovò padrone di molto denaro, di molte case e di molte terre, mentre il Papa e il nuovo Re erano esausti abbastanza per le guerre combattute, e sentivano potente il bisogno di ricorrere all’aiuto di chi godeva grandi ricchezze, forse anche superflue. Di qui facilmente la piena facoltà concessa di avere liberi e franchi i loro beni sequestrati prima dagli Svevi, ma anche di qui il principio di quegli avidi sguardi verso le ricchezze smisurate dei Cavalieri Templari, per cui quarant’anni piú tardi dovevano precipitare all’ultima rovina.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cavalieri Templari nel Regno di Sicilia – Giovanni Guerrieri, Gaspare Cannizzo”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.