Al azif (Necronomicon) – Abdul al Alhazred

16,00

Anastatica integrale.

Edizioni Darcanum, Roma 2007, pagine 120. Con illustrazioni. Prezzo di euro 50,00 prima di andare fuori catalogo!
Libro fuori catalogo, rarissimo e introvabile persino nelle librerie antiquarie (la casa editrice non esiste più).

Il Necronomicon è considerato il più potente libro di magia nera “che sia mai esistito”. In seguito a straordinarie scoperte archeologiche effettuate nell’Iraq sud orientale, a Kut-al-Amara, piccolo centro agricolo dell’Iraq sud-orientale sul fiume Tigri, nel 1990, gli archeologi rinvennero, poco fuori del pomerio di Kutu, un tempio sotterraneo perfettamente conservato. Nel sancta sanctorum di questo tempio, che aveva la forma di uno ziqqurat rovesciato, oltre ad altro materiale di rilevante interesse archeologico, è stata rinvenuta una grande quantità di tavolette di argilla contenenti interessantissimo materiale letterario in lingua sumera. Dopo varie vicissitudini, tali tavolette, ribattezzate immediatamente come le “tavolette di Kutu” sono state tradotte dal professor Venustiano Carranza, docente di paleografia semitica all’Università di Città del Messico, una delle massime autorità mondiali nel campo della assirologia. I risultati a cui ha portato questa traduzione sono stati a dir poco sconvolgenti; è stata confermata un’ipotesi, che collega i Miti di Chtulhu alla religione e mitologia sumero-babilonese. Il contenuto delle tavole di Kutu, secondo l’eminente studioso messicano, si era irradiato nella cultura occidentale ben prima dell’VIII secolo d.C., secolo a cui Lovecraft aveva datato la scrittura dell’Al Azif da parte di Abdul Alhazred. È stata dimostrata, quindi, l’esistenza di una sorta di Proto-Necronomicon, di una formulazione epico-magico originaria, databile probabilmente intorno al 1000 a.C. che costituisce il complemento del grimorio decriptato da Turner dal codice del mago, letterato e negromante John Dee. Al suo interno è possibile trovare tutta una serie di formule magiche per evocare i demoni e altre forze diaboliche. Si dice che, nella versione originale, le pagine e le relative rilegature siano di pelle umana prelevata da corpi di persone uccise dalla stregoneria. Inoltre, pare che la lettura a voce alta di tale lettura possa evocare spiriti maligni e che alcune persone dimenticatesi delle cautele abbiano letto tale libro ad alta voce diventando poi vittime di incidenti orribili. Questo non è un libro destinato al pubblico ed è stato stampato principalmente per essere messo a disposizione di studiosi dell’occulto e sembra che le informazioni in esso contenute siano state riferite all’autore da forze soprannaturali.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Al azif (Necronomicon) – Abdul al Alhazred”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.